Velo abito da sposa: lungo o corto, quale scegliere?

Il velo da sposa è stato sempre considerato come il simbolo della purezza delle donne che si accingono a dirigersi all’altare per sposarsi, indossato davanti al proprio volto di fronte all’altare per coprirsi. Oggi come oggi, ovviamente, viene esibito come accessorio di moda per rendere il proprio look completo e offrire un tocco decisivo e specifico all’abito da sposa. Chiaramente in base anche all’acconciatura adottata per i propri capelli, cambierà anche la scelta del velo da indossare.

Nel momento in cui si decide di indossare il velo, si deve comprendere che esso non è disgiunto dal vestito, perché separare le due cose non è possibile. 

Quando si indossa il velo, esso si fonderà in automatico con l’abito così da sembrare un’unica cosa. Quindi, la prima considerazione da fare quando si deve optare per la scelta del velo è quella di inquadrare che tipologia di abito si ha davanti. 

Bisogna capire quali sono i punti principali del vestito per poterli valorizzare maggiormente indossando per l’appunto il velo, oppure nel caso si voglia fare l’opposto magari nasconderli. La scelta del velo corto o lungo sarà svolta in base alla forma del vestito da sposa, ad esempio nel caso in cui si scelga un abito la cui forma è a sirena, quindi con la schiena nuda, per far spiccare di più questa caratteristica si potrebbe scegliere un velo corto oppure trasparente, cioè con pochi strati di tessuto. In alternativa, si potrebbe optare per un velo che sia molto lungo e più doppio, che invece di mostrare il particolare della schiena nuda, tenderà a nasconderlo soprattutto nel corso dello svolgimento della cerimonia religiosa, qualora fosse svolta in tal senso

 

Il fattore “lunghezza” è senza dubbio importante e per non sbagliare occorre scegliere un velo che sia lungo o corto anche in base all’altezza della sposa. Il fatto che sia lungo o meno è un elemento che contraddistingue un velo, ma è anche direttamente proporzionato all’altezza fisica della sposa, perché nell’indossarlo dovrà anche amalgamarsi ed essere correttamente proporzionato alla sua altezza. Ci sono vari modelli che per lunghezza differiscono, parliamo di veli come velette e fascinator che sono lunghi e che arrivano ai gomiti, oppure al punto vita, o anche alle ginocchia. Ci sono veli come i ballet che toccano il pavimento, oppure i veli a cappella e a cattedrale che invece fanno la forma del drappeggio sul pavimento, offrendo un carattere di elevata maestosità al look nella sua totalità. Comunque, se la sposa è alta ogni tipo di velo farà al caso suo, nel caso in cui invece si parli di una sposa non eccessivamente alta allora è preferibile scegliere un velo che non sia troppo lungo, ma che allo stesso tempo non le dimezzi l’immagine e l’estetica.

Quando si parla della scelta del velo, si parla anche del volto della sposa, dal momento che questo viene avvolto dal velo e per tale ragione contribuisce anche a rendere la sposa più bella e più completa. Per tale ragione, la scelta del velo giusto non potrà non dipendere anche dai lineamenti del viso della sposa, visto che le due cose sono connesse. Ad esempio, nel caso in cui si parli di un viso tondo, sarebbe opportuno scegliere un velo che si poggi sulle spalle e che sia molto voluminoso nella parte alta, quindi meglio evitare certi modelli di velo che sono troppo pieni di tulle ai lati del volto. Nel caso in cui la sposa abbia un viso più ovale, le larghezze del volto sono abbastanza simmetriche, quindi non si evidenziano dei particolari limiti nella scelta di un certo tipo di velo. Se invece parliamo di un viso dalla forma quadrata e più spigolosa, allora sarebbe opportuno scegliere un velo che renda i lineamenti più morbidi e leggeri, come ad esempio un velo a forma di cascata, che senza dubbio è in grado anche di conferire una maggiore lunghezza al proprio volto.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo e continua a seguire i miei consigli QUI.

No Comments

Post A Comment